1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

I Longobardi in Italia (568 d.C.-774 d.C.)

 

Al loro arrivo in Italia i Longobardi entrarono in contatto con la realtà culturale di un territorio divenuto crocevia strategico tra occidente e oriente, un tempo cuore dell'Impero romano e ora sede della cristianità.
La stabilizzazione sul territorio italiano implicò il confronto con la popolazione locale, determinando un lento processo di integrazione che diede vita ad una cultura nuova, capace di coniugare la tradizione germanica con quella classica e romano-cristiana.
Il rapporto con l'antico che si venne a creare fu sfruttato dalle élites longobarde per legittimare il proprio crescente potere.
E' ai Longobardi infatti che oggi si attribuisce un ruolo determinante nel passaggio tra la Classicità e il Medioevo.
Essi contribuirono ad elaborare e diffondere le espressioni culturali, artistiche, politiche e religiose che dal territorio italiano si diffusero in Europa; in questo modo anticiparono quella renovatio tradizionalmente attribuita all'età carolingia, e ispirata dalla conversione al cristianesimo, che tra la fine del VII e l'VIII secolo portò ad una fioritura artistica che coinvolse tutta Italia.